Indice della pagina

Tempo Ordinario


Sante Messe


Santa Messa della Domenica

La Santa Messa viene celebrata ogni Domenica alle 11:00 presso la chiesa "Santa Maria di Lourdes Goldberg".

 

Si informa tutti i membri della Comunità che Domenica 27.08.2017 non ci sarà la santa messa in lingua italiana. Siamo pregati di partecipare nelle Comunità parrochiali tedesche rispettive    


Presentazione del Signore Venerdì 2 Febbraio

Venerdì 02.02.2018 – Festa della presentazione del Signore – sarà il primo venerdì del mese.

Avremo la messa con i vespri alle 18:30 nella sala della Comunità.


Mercoledì delle Ceneri - Inizio Quaresima 14 Febbraio

Il 14 Febbraio ha inizio il periodo quaresimale ed ogni venerdì si farà la Via Crucis


Via Crucis

Febbraio

Venerdì: 16 e 23

 

Marzo

Venerdì   2, 9, 16 e Venerdì 23


SS Messe Infrasettimanali

Tutti i Martedì e Giovedì alle 18:30 Santa Messa nella saletta parrocchiale con Recita del SS Rosario dalle 18:00.


Foglio della Comunitá

All´ascolto del Signore 17 Febbraio 2018

Sabato, 17.02.2018 alle 18:00 avremo la preghiera dei vespri seguita dalla condivisione sulla Parola di Dio.

 

La preghiera si terrà come al solito nella sala della nostra Comunità.    


Elettori Italiani All'Estero

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle elezioni per il rinnovo del Parlamento, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero. Per partecipare al voto all’estero, tali elettori dovranno – entro il 31 gennaio 2018 - far pervenire AL COMUNE d’iscrizione nelle liste elettorali un’apposita

opzione. E’ possibile la revoca della stessa opzione entro lo stesso termine. Si ricorda che l’opzione è valida solo per il voto cui si riferisce (ovvero, in questo caso, per le votazioni del 4 marzo 2018). L’opzione (fac-simile qui reperibile) può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall’interessato. La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’Ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per 

l’ammissione al voto per corrispondenza (vale a dire che ci si trova - per motivi di lavoro, studio o cure mediche - in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle consultazioni; oppure, che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni). La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000).

Festa di San Giuseppe sposo della Vergine Maria - 19 Marzo 2016

Si avvicina la festa di San Giuseppe e abbiamo bisogno dell'aiuto di tutta la comunità in opere e offerte per la preparazione della base dell'altare.

Siamo anche ben contenti di mettere la sala a disposizione di chi volesse fare l'altare ma non ha spazio a casa.

La signora Patrizia Angoretti, che coordina questa attività, è a vostra completa

disposizione per qualsiasi informazione o chiarimento.

Grazie di cuore

 


Festa di carnevale 2018

Il Consiglio pastorale della nostra Comunitá invita tutti i membri alla festa di carnevale:

Sabato, 03.03.2018

A partire dalle ore 18:00

Nel Gemeindezentrum


introduzione Battesimo di Gesù

“E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba”

 

Avete mai osservato la splendida danza che fanno le lingue di fuoco?

Sembrano proprio come ali di colomba che si libra nell’aria. Fantastico spettacolo di un balletto che si ripete ma sempre diverso.

Questo deve aver osservato Giovanni il Battista.

 

Cosa è avvenuto prima?

Giovanni operava un battesimo di conversione e Gesù va da lui.

Dio si sottomette all’uomo, Dio si umilia, Lui, il senza peccato, assume la nostra umanità.

È battesimo di conversione.

Conversione significa cambiare vita, abbandonare ciò che si è e rinnovarsi, abbandonarsi nelle mani di Dio.

 

Dopo aver incontrato il Bambino Gesù, i re Magi non sono tornati lungo la strada che li avrebbe riportati ad Erode.

Mosè portò il popolo nel deserto seguendo la Nube o la Fiamma, non ritornando a vivere con gli egizi.

 

Ma siamo cristiani, quindi siamo a posto?

Lo scorso mercoledì incontro una donna in una chiesa che, dopo la Santa Messa, mi guida verso la cripta per adorare il Santissimo e dice: vieni a pregare per la conversione dei musulmani. Ma lo dice in tono molto duro, astioso.

Rispondo che vorrei pregare prima per la conversione dei cristiani.

Anche se battezzati, non siamo cristiani finché non viviamo il Vangelo fino in fondo, e non solo per quello che ci fa comodo. Non siamo capaci di amare, non siamo capaci di abbandonarsi alla Divina Provvidenza, di abbandonarsi nelle mani di Dio.

 

Dobbiamo cominciare ad amare il nostro prossimo, chiunque esso sia, come noi stessi, che vuol dire calpestare l’amor proprio.

Abbiamo bisogno di convertirci.

 

Gesù, affidandosi al battesimo di Giovanni il Battista, ci indica la strada e quando lo avremmo veramente fatto non sará possibile tenerlo nascosto perché verremo visitati dal fuoco dello Spirito Santo che fará il resto, opererà il miracolo.

 

Lo Spirito Santo ci ridarà la Vita che abbiamo perso per i nostri peccati e Dio sarà di nuovo con noi.

AZZURROè il colore usato per le feste in onore della Madonna. Non sarebbe un colore liturgico anche se molti sacerdoti ne fanno uso.

BIANCOil bianco indica purezza e santità: è il colore usato a Pasqua e nel tempo di Pasqua, a Natale e nel tempo di Natale, nella festa del Corpo e del Sangue del Signore, nella celebrazione del Battesimo, del Matrimonio e dell’Ordine; è usato anche nelle feste dei Santi e della Madonna.

ORO:          indica gloria, splendore e santità; è usato al posto del bianco per esprimere una maggiore solennità in una festa.

ROSA:        indica penitenza, ma in forma più attenuata rispetto al solito.

ROSSO:     indica il sacrificio sulla croce di Gesù e la divinità dello Spirito Santo, ma anche il sangue sparso dai santi martiri. Si usa nelle solennità del Sacro Cuore di Gesù, il Venerdì Santo, nella solennità della Pentecoste, nelle feste degli Apostoli e dei martiri e per il sacramento della Cresima.

VERDE:      indica attesa e speranza. I paramenti verdi si indossano nel tempo ordinario, sia nei giorni feriali che nelle domeniche.

VIOLA:       indica penitenza, richiamo alla conversione , sofferenza. I paramenti viola si usano in Avvento, in Quaresima, durante il sacramento della penitenza e durante le celebrazioni dei funerali.

 


Citazioni di Papa Francesco

Citazioni: « Alcune sfide del mondo attuale»

La crisi finanziaria che attraversiamo ci fa dimenticare che alla sua origine vi è una profonda crisi antropologica: la negazione del primato dell’essere umano! Abbiamo creato nuovi idoli. L’adorazione dell’antico vitello d’oro ha trovato una nuova e spietata versione nel feticismo del denaro e nella dittatura di una economia senza volto e senza uno scopo veramente umano. La crisi mondiale che investe la finanza e l’economia manifesta i propri squilibri e, soprattutto, la grave mancanza di un orientamento antropologico che riduce l’essere umano ad uno solo dei suoi bisogni: il consumo.

 Mentre i guadagni di pochi crescono esponenzialmente, quelli della maggioranza si collocano sempre più distanti dal benessere di questa minoranza felice. Tale squilibrio procede da ideologie che difendono l’autonomia assoluta dei mercati e la speculazione finanziaria. Perciò negano il diritto di controllo degli Stati, incaricati di vigilare per la tutela del bene comune. Si instaura una nuova tirannia invisibile, a volte virtuale, che impone, in modo unilaterale e implacabile, le sue leggi e le sue regole. Inoltre, il debito e i suoi interessi allontanano i Paesi dalle possibilità praticabili della loro economia e i cittadini dal loro reale potere d’acquisto. A tutto ciò si aggiunge una corruzione ramificata e un’evasione fiscale egoista, che hanno assunto dimensioni mondiali. La brama del potere e dell’avere non conosce limiti. In questo sistema, che tende a fagocitare tutto al fine di accrescere i benefici, qualunque cosa che sia fragile, come l’ambiente, rimane indifesa rispetto agli interessi del mercato divinizzato, trasformati in regola assoluta.

 

Papa Francesco, Evangelii gaudium, 55 - 56    

libreria del santo

 



introduzione Battesimo di Gesù

“E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba”

 

Avete mai osservato la splendida danza che fanno le lingue di fuoco?

Sembrano proprio come ali di colomba che si libra nell’aria. Fantastico spettacolo di un balletto che si ripete ma sempre diverso.

Questo deve aver osservato Giovanni il Battista.

 

Cosa è avvenuto prima?

Giovanni operava un battesimo di conversione e Gesù va da lui.

Dio si sottomette all’uomo, Dio si umilia, Lui, il senza peccato, assume la nostra umanità.

È battesimo di conversione.

Conversione significa cambiare vita, abbandonare ciò che si è e rinnovarsi, abbandonarsi nelle mani di Dio.

 

Dopo aver incontrato il Bambino Gesù, i re Magi non sono tornati lungo la strada che li avrebbe riportati ad Erode.

Mosè portò il popolo nel deserto seguendo la Nube o la Fiamma, non ritornando a vivere con gli egizi.

 

Ma siamo cristiani, quindi siamo a posto?

Lo scorso mercoledì incontro una donna in una chiesa che, dopo la Santa Messa, mi guida verso la cripta per adorare il Santissimo e dice: vieni a pregare per la conversione dei musulmani. Ma lo dice in tono molto duro, astioso.

Rispondo che vorrei pregare prima per la conversione dei cristiani.

Anche se battezzati, non siamo cristiani finché non viviamo il Vangelo fino in fondo, e non solo per quello che ci fa comodo. Non siamo capaci di amare, non siamo capaci di abbandonarsi alla Divina Provvidenza, di abbandonarsi nelle mani di Dio.

 

Dobbiamo cominciare ad amare il nostro prossimo, chiunque esso sia, come noi stessi, che vuol dire calpestare l’amor proprio.

Abbiamo bisogno di convertirci.

 

Gesù, affidandosi al battesimo di Giovanni il Battista, ci indica la strada e quando lo avremmo veramente fatto non sará possibile tenerlo nascosto perché verremo visitati dal fuoco dello Spirito Santo che fará il resto, opererà il miracolo.

 

Lo Spirito Santo ci ridarà la Vita che abbiamo perso per i nostri peccati e Dio sarà di nuovo con noi.

Papa Francesco: "tweet del Papa: ci fa bene stare un po' di tempo davanti al Tabernacolo"

Liturgia: Inginocchiarsi per ricevere la Santa Comunione?

In questa prospettiva, l’allora cardinale Ratzinger aveva assicurato che «la Comunione raggiunge la sua profondità solo quando è sostenuta e compresa dall’adorazione» (Introduzione allo spirito della liturgia, Cinisello Balsamo, San Paolo 2001, p. 86). Per questo, egli riteneva che «la pratica di inginocchiarsi per la santa Comunione ha a suo favore secoli di tradizione ed è un segno di adorazione particolarmente espressivo, del tutto appropriato alla luce della vera, reale e sostanziale presenza di Nostro Signore Gesù Cristo sotto le specie consacrate» (cit. nella LetteraThis Congregation della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, del 1° luglio 2002: EV 21, n. 666).

Leggi l'intero articolo direttamente nel sito del Vaticano a questo link: 

 

http://www.vatican.va/.../.../ns_lit_doc_20091117_comunione

 

 

foto ripresa da: http://fidesetforma.blogspot.de/2011/01/la-comunione-in-ginocchio-non-sia-mai.html

 


Messaggi di Medjugorie

Medjugorie: Messaggio del 2 Maggio 2017

Cari figli, vi invito a pregare non chiedendo, ma offrendo sacrifici, sacrificandovi.

Vi invito all’annuncio della verità e all’amore misericordioso.

Prego Mio Figlio per voi, per la vostra fede che diminuisce sempre di più nei vostri cuori. Lo prego per aiutarvi con lo Spirito Divino, come anche io desidero aiutarvi con lo spirito materno. Figli miei dovete essere migliori, solo coloro che sono puri, umili e colmi d’amore sorreggono il mondo, salvano sè stessi e il mondo.

Figli miei, Mio Figlio è il cuore del mondo, bisogna amarlo e pregarlo e non tradirlo sempre e nuovamente. Perciò voi, apostoli del mio amore, diffondete la fede nei cuori degli uomini, con il vostro esempio, con la preghiera e con l’amore misericordioso. Io sono accanto a voi e vi aiuterò.

Pregate affinchè i vostri pastori abbiano sempre più la luce per poter irradiare tutti coloro che vivono nelle tenebre.

Vi ringrazio.

0 Commenti

Medjugorie: Messaggio del 25 Aprile 2017

"Cari figli!

Amate, pregate e testimoniate la mia presenza a tutti coloro che sono lontani. Con la vostra testimonianza ed il vostro esempio potete avvicinare i cuori che sono lontani da Dio e dalla Sua grazia. Io sono con voi e intercedo per ciascuno di voi perché con amore e coraggio testimoniate ed esortiate tutti coloro che sono lontani dal mio Cuore Immacolato.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata."

Bibbia, Liturgia e Santi del giorno, ...